I Cammini di Sardegna

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

SGIl Cammino di San Giorgio
Il Cammino di San Giorgio Vescovo è un percorso di pellegrinaggio che congiunge la sede ex vescovile di Suelli con i territori dell’Ogliastra, rientranti a suo tempo nella giurisdizione pastorale dell’Ecclesia Barbariensis. L’itinerario rappresenta l’asse centrale degli itinerari di evangelizzazione di Giorgio vescovo e può essere percorso sia partendo da Suelli verso l’Ogliastra sia in senso contrario.
LINK

sbIl cammino di Santa Barbara
Attraverso i luoghi di culto dedicati a Santa Barbara si vogliono riscoprire gli antichi sentieri storici delle miniere costituiti dalle strade percorse dai minatori per recarsi nei posti di lavoro e dalle vecchie mulattiere e ferrovie realizzate in passato per il trasporto dei minerali grezzi e mercantili, lungo i quali è conservato lo straordinario patrimonio tecnico-scientifico, storico-culturale, paesaggistico-ambientale e socio-antropologico della millenaria storia mineraria della Sardegna.
LINK

SJIl Cammino di Santu Jacu
Il Cammino di Santu Jacu, è un percorso di pellegrinaggio che tocca vari territori e che si estende dal nord al sud dell’isola. Il pellegrinaggio, secondo un accordo di programma denominato “Bias de Fidi: il Cammino di Santiago in Sardegna”, unisce i comuni di Mandas, Cagliari, Goni, Ittireddu, Noragugume, Nughedu Santa Vittoria, Orosei, Perdaxius e Soleminis.
Queste municipalità sono accomunate dalla storica devozione a San Giacomo Apostolo quale Santo Patrono delle rispettive comunità di appartenenza e tutti si riconoscono nell’antica leggenda che vuole l’opera di evangelizzazione iniziata da San Giacomo in Palestina e proseguita in Spagna, abbia avuto breve tappa in Sardegna.
Approfondisci
LINK

7Il Cammino di Sant’Efisio
Dal 1 al 4 maggio si celebra la festa dedicata a Sant’Efisio, uno dei più importanti eventi religiosi e folkloristici della Sardegna. Un pellegrinaggio popolare che si perpetua da tre secoli e mezzo per onorare il voto fatto dall’Amministrazione di Cagliari nel 1656 per ringraziare il Santo di aver liberato la città da una violenta epidemia di peste.

Il percorso nel dettaglio

  • 1 maggio
    Ore 9.30 lungo le vie del centro i tradizionali carri a buoi del Campidano, chiamati traccas, aprono la processione; seguono gruppi in costume provenienti da ogni parte dell’Isola, i Cavalieri Campidanesi, i Miliziani e La Guardiania.
    Ore 12.00 partenza di Sant’Efisio dalla Chiesa di Stampace attraverso il seguente percorso: Via Azuni, Piazza Yenne, Corso Vittorio Emanuele, Via Sassari, Piazza del Carmine, Via Crispi, Via G.M. Angioy, Via Mameli, Largo Carlo felice, Via Roma (lato Comune), Via Sassari (parte bassa), Viale La Playa, Villaggio Pescatori, Giorgino, Chiesa di Sant’Efisio a Giorgino (h.15);
    Arrivo alla chiesa di Sant’Efisio a Giorgino, viene sostituito il cocchio e vengono fatti indossare al Santo gli abiti da viaggio;
    La Maddalena Spiaggia, processione lungo la SS sino al raccordo con Frutti d’Oro e sosta con Santa Messa all’aperto nel piazzale antistante la chiesa di Sant’Efisio a Su Loi;
    Breve sosta per i buoi;
    Ripresa del viaggio sino a Villa D’Orri, dove nella cappella di proprietà dei Marchesi di Villahermosa viene celebrata una celebrazione eucaristica in commemorazione dei defunti;
    Benedizione e partenza per Sarroch luogo in cui il Santo trascorre la notte nella chiesa omonima.
  • 2 maggio
    Ore 08.00 Santa Messa
    Partenza per Villa San Pietro;
    Processione, Messa e partenza per Pula: le autorità Municipali, l’Arciconfraternita ed i fedeli attendono il Santo per cominciare la processione lungo il paese;
    Messa e pranzo;
    Ore 18,00 celebrazione della Santa Messa prima della partenza del simulacro per Nora;Festa davanti al simulacro per commemorare i defunti;
    Sosta davanti al cimitero per commerare i defunti;
    Benedizione nella Chiesa di San Raimondo;
    Partenza per Nora, sosta del Simulacro vicino al Comando della Marina Militare, ammaina bandiera e successiva partenza per Nora per la celebrazione della Santa Messa.
  • 3 maggio
    Ore 7.30 Sante Messe fino alle ore 11,00 celebrata all’aperto dall’Ordinario Diocesano;
    Ore 18.30 Processione con il Simulacro lungo il percorso che porta agli scavi di Nora per poi rientrare alla spiaggia;
    Santa Messa e partenza per Pula
  • 4 maggio
    Ore 7.00 Partenza da Pula dopo la Santa Messa per arrivare a Cagliari alle 22,30 circa